Analemma e inclinazione dell'asse terrestre

Tutto ciò che concerne il mondo dell'astronomia compreso fisica e astronautica

Moderatori: Maurizio Russo, meteosismi

Analemma e inclinazione dell'asse terrestre

Messaggioda Mendel » 08/10/2017, 11:35

Salve a tutti, sono nuovo di questo forum, è un vero piacere essere tra di voi.

Su un autorevole blog viene spiegato come si forma l'analemma del Sole ragionando solo sull'inclinazione dell'asse terrestre e considerando l'orbita della Terra completamente circolare e non ellittica.

Estrapolo e copio qui la frase che non mi convince: "Appena il Sole proiettato parte da questo punto gamma e si dirige verso il punto del solstizio estivo comincerà a muoversi lentamente e poi andrà accelerando. Quindi all'inizio lo vedrò in anticipo ma poi l'anticipo si ridurrà e al solstizio si sarà annullato.”

Poi aggiunge: "Superato il punto del solstizio alla massima velocità, comincerà a rallentare. Quindi avremo un ritardo iniziale che poi calerà fino ad annullarsi all'equinozio di autunno, diametralmente opposto al punto gamma. E così via.”

Ecco, questo concetto fatica un po' ad entrarmi in testa.
Cominciamo dalla prima frase. Preciso che io parto dal presupposto che il Sole torna prima sul Meridiano di partenza (e quindi anticipa) se aumenta la sua velocità. Quindi più accelera e più dovrebbe anticipare, vi trovate? Dalla prima definizione del blog però non sembra essere cosi; infatti dice che all'inizio il Sole anticipa, man mano che accelera però l'anticipo si riduce: ma non dovrebbe essere il contrario? Cioè se il Sole accelera dovrebbe anticipare ancora di più, e non ritardare, no?

Lo stesso dicasi per la seconda frase del blog: superato il Solstizio la velocità inizia a rallentare e quindi il Sole ritarda. Ma man mano che rallenta questo ritardo diminuisce. Anche qui ripeto la stessa domanda a parte invertita: il ritardo non dovrebbe aumentare man mano che la velocità proiettata diminuisce?

Chiaramente do per scontato che nel blog è scritto nulla di sbagliato, anche perchè dando un'occhiata visiva all'analemma tutto trova conferma, ma ciò nonostante non riesco a carpire la logica delle definizioni teoriche. Sareste cosi gentili da chiarirmi un po' le idee? Ripeto ancora una volta, per evitare confusione, che il ragionamento è incentrato solo sull'obliquità dell'asse terrestre e non sull'orbita ellittica della Terra.

Copio qui il link per chi volesse leggere l'articolo da cui ho tratto le informazioni:
http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/20 ... nalemma-5/
Mendel
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 08/10/2017, 11:28

Re: Analemma e inclinazione dell'asse terrestre

Messaggioda Antonello Medugno » 13/10/2017, 10:59

Ciao Mendel e benvenuto sul forum.
Direi che la situazione così riportata è un po pasticciata.
Credo di avere capito che nel testo di cui parli quando fa riferimento a "accelera" si riferisca all'accelerazione lungo la declinazione per cui l'anticipo inizialmente aumenta per poi annullarsi ed aumentare (intendendo anticipo lo spostamento in AR, ovvero la frazione di oscillazione lungo l'AR).
Poste queste basi prova a rivedere il testo e ne parliamo :) (sperando di aver capito cosa chiedevi)
Avatar utente
Antonello Medugno
Amministratore
 
Messaggi: 3033
Iscritto il: 07/03/2010, 22:18
Località: Caserta


Torna a Astronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite