Flat con Atik383 mono

Sezione dedicata a metodi e problemi con strumentazione e a novità su strumenti per l'astronomia e utilizzo di software in genere (autoguida, collimazione, gestione CCD, controllo montature, stellari)

Moderatore: FerZem

Rispondi
Giacomo85
Principiante
Messaggi: 35
Iscritto il: 16/09/2015, 19:44
Di che regione sei?: Campania

Flat con Atik383 mono

Messaggio da Giacomo85 » 26/03/2020, 13:43

Salve a tutti. Rieccomi a chiedervi un aiuto sollecitato anche da Antonello. Chiedo a questo forum perché già in passato mi ha risolto altri problemi essendo ancora non praticissimo dell’astrofoto. Volevo sapere Avendo un CCD ATIK383mono quanti valori di ADU dovrei avere per avere un flat corretto. Magari qualcuno di voi usa la mia stessa camera e mi può aiutare. Inoltre se, cambiando filtro, é piú opportuno aumentare/diminuire il tempo di esposizione oppure aumentare/diminuire luce pannello o se sia irrilevante a patto di avere il valore ADU corretto. Grazie in anticipo a tutti.

Avatar utente
Amadeus
Moderatore
Messaggi: 1063
Iscritto il: 15/04/2014, 15:53
Di che regione sei?: Campania
Contatta:

Re: Flat con Atik383 mono

Messaggio da Amadeus » 26/03/2020, 19:46

Ciao Giacomo tanti astroimager di questo forum hanno avuto o hanno ancora la mitica Atik 383 che ritengo ancora ora un ottimo CCD.
Per ottenere un buon FLAT FIELD bisogna puntare il telescopio verso una sorgente di luce uniforme e fare un esposizione saturata al 50-75% delle possibilita' del CCD,quindi nel tuo caso al 50% siamo intorno ai 32768 ADU.
Dal momento che il flusso di fotoni emesso dalla FLATBOX dovrebbe essere uniforme,la disparita' dei valori di ogni pixel che noi rileveremo, testimoniera' proprio la diversita' di guadagno di ogni pixel.
Diversita' dovuta ad esempio al posarsi della polvere sul vetrino che protegge il sensore causando una diminuzione della sensibilita' di quei pixel interessati;oppure l'intrinseca diversita' di guadagno da pixel a pixel e cosi via ......
Condidera che il numero di FLAT FRAMES ripresi dovra' comunque essere calibrato con i relativi DARK.
Questa e' la dottrina ma io procedo diversamente : in pratica accordo il FLAT al LIGHT quindi se il valore mediano del light e' di 4000 ADU allora il flat dovra' essere all'incirca questo valore.
In ogni caso fai sempre dei test e determina per il tuo apparato TELESCOPIO/CAMERA quale e' il FlatField ottimale :D
Montatura : Fornax 52
Scope : GSO 10" RC
Camera : Atik 4000 Mono
il mio sito web http://www.deepskyimaging.it

Avatar utente
Amadeus
Moderatore
Messaggi: 1063
Iscritto il: 15/04/2014, 15:53
Di che regione sei?: Campania
Contatta:

Re: Flat con Atik383 mono

Messaggio da Amadeus » 26/03/2020, 20:27

Volevo aggiungere anche un'altra tecnica di ripresa cioe' quella del Dynamic Range.
Una volta determinato il range dinamico effettivo del nostro CCD lo si puo' usare come riferimento nelle nostre esposizioni per il FlatField : in pratica se il DR e' di 20000 ADU dovremo esporre sempre del 50 o 75% di questo valore.
Il DynamicRange e' il rapporto tra FWC e Readout noise.
Montatura : Fornax 52
Scope : GSO 10" RC
Camera : Atik 4000 Mono
il mio sito web http://www.deepskyimaging.it

Giacomo85
Principiante
Messaggi: 35
Iscritto il: 16/09/2015, 19:44
Di che regione sei?: Campania

Re: Flat con Atik383 mono

Messaggio da Giacomo85 » 26/03/2020, 23:25

Grazie mille per la risposta... diciamo che l intervallo corretto sarebbe 25000/35.000 adu.

Rispondi